IL VOLO

Il volo più vantaggioso che ho trovato prevede Milano-Londra e Londra-Hong Kong. Certo suona strano andare per più di 1000 chilometri verso Nord-Ovest quando la destinazione finale è a Sud-Est ma, data la bizzarra politica dei prezzi delle compagnie aeree, può succedere.
E quando a Londra, con 12 ore di viaggio ancora davanti per arrivare ad Hong Kong, l'aereo parte pure in direzione "sbagliata" (gli aerei da Heathrow decollano verso Ovest), mi dico: "Cominciamo bene!".

12 ore di fila di volo non le ho mai fatte, e in effetti sono tante. Certo c'è l'eccitazione del viaggio, la consapevolezza di iniziare qualcosa di inusuale, di andare incontro ad un'avventura e soprattutto di avere la possibilità di conoscere un mondo nuovo, ma 12 ore sono comunque, oggettivamente, 12 ore. A bordo c'è la possibilità di vedere i film sul display del sedile davanti; ne vedi uno e poi guardi l'ora: ancora 10 ore. Ok, mi dico, ci vuole pazienza. E allora passo alla lettura - ho portato il libro The Poincare Conjecture di Donal O'Shea, già letto per più di metà, e sono determinato a darci dentro - del resto se non leggo quando sono in vacanza, quando sennò?

Leggo finchè posso (l'argomento non è dei più leggeri - in ultima analisi si parla di quali sono le possibili forme dell'Universo), ma l'orologio, inesorabile, mi dice che mancano ancora 9 ore. A bordo dormono quasi tutti ma io, sull'aereo, a dormire proprio non ci riesco[1].

Sono quei rari momenti della vita in cui il tempo passa più lentamente di quanto vorresti: nella stragrande maggioranza dei casi il tempo vola via troppo velocemente. Mai, che mi ricordi, il tempo è scorso esattamente alla velocità desiderata .
E quando ti capitano situazioni come queste, vista la loro rarità, ti senti perso. Vai alla toilette anche se non ne hai bisogno, inizi a divagare col pensiero, ti poni problemi che non esistono, etc.

Alla fine, in un modo o nell'altro, le ore passano e si atterra a Hong Kong!

  1. ^In compenso ho un amico che riece a dormire anche sugli autobus che, senza più ammortizzatori, fanno le strade a lastroni di cemento armato: quando una volta abbiamo viaggiato insieme negli Stati Uniti lui arrivava sempre riposato, io con le occhiaie fino al mento.